Doppio mandato ed elezione COA / Lerario e Nastri: “La richiesta di legalità porterà i suoi frutti” 

Gli avvocati Filippo Lerario e Fabrizio Nastri
A seguito della sentenza del Consiglio Nazionale Forense, ecco il commento degli avvocati Lerario e Nastri che hanno promosso ricorso al CNF avverso l’esito delle elezioni all’Ordine degli Avvocati di Taranto.
“La richiesta di legalità all’interno delle istituzioni forensi ha portato e porterà i suoi frutti.
Non bisogna dimenticare infatti che tutte le sentenze, di accoglimento o di rigetto, esprimendo della valutazioni sui principi contribuiscono al ripristino della legalità violata ovvero alla conferma della legalità messa in discussione.
È ormai chiaro il principio, ormai anche per il CNF, che non è possibile essere eletti per tre mandati consecutivi.
E questo è un grande risultato ottenuto da tutti coloro che hanno portato la problematica all’attenzione della giurisdizione forense, anche attraverso i ricorsi proposti.
Occorre tuttavia evidenziare che, al di là delle personali interpretazioni delle norme, le sentenze emesse sullo stesso argomento dallo stesso organo giudicante non possono fra loro avere evidenti discrasie.
Nella sentenza che riguarda il COA Taranto, invece, tali incongruenze paiono evidenti ed il criterio personalistico di calcolo utilizzato per ritenere eleggibile il Presidente del Coa Taranto,  porta a ritenere già da ora non rieleggibili tutti i consiglieri uscenti che,  rispettando la Legge, hanno terminato il loro mandato a maggio 2019 e non si sono ricandidati, con la evidente incongruenza di consentire a qualcuno di svolgere tre mandati consecutivi, seppur di durata lievemente inferiore al limite massimo stabilito, e di impedire ad altri, che già non si sono candidati per questo quadriennio, di potersi candidare anche per il prossimo quadrienno.
In pratica,  solo per il caso Taranto si è creata una nuova modalità di contare i giorni del mandato svolto, anziché fare riferimento al criterio oggettivo della durata legale del mandato.
Il Procuratore Generale della Cassazione, peraltro, aveva chiesto l’accoglimento integrale del ricorso ed è dunque evidente che, per evitare una nuova stagione di contenziosi,  sarà alla Cassazione (Giudice terzo!) che rimetteremo la questione per risolverla definitivamente e sanare le molteplici ed evidenti differenze interpretative della stessa legge da parte del CNF, che ha ritenuto di mantenere in carica il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Taranto, nonostante sia, per come accertato nella stessa sentenza, al suo terzo mandato consecutivo.
Dal Cnf, giudice speciale dei reclami elettorali, del resto, non ci aspettavamo nulla  di diverso, anche alla luce della forte conflittualità in essere,  sfociata (come noto) in una lunga battaglia giudiziaria per l’affermazione della legalità all’interno dello stesso CNF che annovera  numerosi consiglieri la cui elezione è stata contestata proprio per violazione dello stesso divieto di svolgere il terzo mandato consecutivo sul quale il CNF è stato chiamato a decidere (e ha deciso) in riferimento ai COA.
Resta ancora aperta, infatti,  la questione degli ineleggibili del CNF (ben nove, compreso il suo presidente e vicepresidente), che abbiamo portato davanti al Tribunale di Roma e che a breve sarà decisa.
La strada che ci ha portati fin qui è stata lunga e dissestata.
Manca ormai l’ultimo solo tratto che percorreremo, come sempre, con convinzione,  per la affermazione di principi e non per mantenere o guadagnare rendite di posizione”.
Avv.ti Filippo Lerario e Fabrizio Nastri 
AVVOCATI - TESTATA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI TARANTO N. 1/2016
EXTRA MEDIA s.r.l.s. Sede Legale: Taranto - Via Plinio 87, 74121 | extramediasrls@pec.it | Codice fiscale e n. iscr. Registro Imprese: 0319862073 | Privacy

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi